Bonnie

Bonnie was born out of the need for having a clean sans serif with the bold qualities that the geometric sans serif typefaces from the twentieth century possessed, but at the same time having soft and human qualities that produce a friendly atmosphere.

Bonnie’s capitals speak a powerful and clear language, while it’s lowercase characters with their large x-height, open construction and curvy details ensure that this is a typeface that addresses both aesthetics and functionality.

Coming in three widths makes Bonnie a great tool for copy fitting in a variety of lay-outs.

LA VECCHIA SIGNORA
Vede ‘Il Pinturricchio’
GIANLUIGI BUFFON
‘Gigi’ La Leggenda
GIORGIO CHIELLINI
Capitano del Nord
CATENACCIO OGGI
Il calcio originale
Il Catenaccio è uno schema tattico usato nel calcio italiano principalmente dagli anni 1940 alla prima metà degli anni 1970. L’introduzione del Catenaccio viene fatta risalire al tecnico austriaco Karl Rappan, che propose per la prima volta tale schema nel 1932 quando allenava il Servette. Il Sistema allora in voga prevedeva tre difensori, due terzini e un difensore centrale detto stopper, generalmente impegnati in una marcatura a uomo; Rappan, per ottenere una maggiore copertura difensiva, ebbe l'idea di togliere un giocatore dal centrocampo e posizionarlo dietro la linea dei difensori, esentandolo da qualsiasi compito di marcatura fissa: il libero era infatti destinato ad eventuali raddoppi di marcatura e a recuperare i palloni sfuggiti ai compagni di reparto. Rappan ripropose il Catenaccio, battezzato in lingua francese verrou, anche al campionato del mondo 1938 quando guidava la nazionale svizzera; con questa variazione rispetto al classico Sistema, la modesta selezione elvetica ben figurò nel torneo, eliminando la Germania al primo turno e arrivando fino ai quarti di finale, nei quali cedette all’Ungheria, futura finalista.
Il Catenaccio è uno schema tattico usato nel calcio italiano principalmente dagli anni 1940 alla prima metà degli anni 1970. L’introduzione del Catenaccio viene fatta risalire al tecnico austriaco Karl Rappan, che propose per la prima volta tale schema nel 1932 quando allenava il Servette. Il Sistema allora in voga prevedeva tre difensori, due terzini e un difensore centrale detto stopper, generalmente impegnati in una marcatura a uomo; Rappan, per ottenere una maggiore copertura difensiva, ebbe l'idea di togliere un giocatore dal centrocampo e posizionarlo dietro la linea dei difensori, esentandolo da qualsiasi compito di marcatura fissa: il libero era infatti destinato ad eventuali raddoppi di marcatura e a recuperare i palloni sfuggiti ai compagni di reparto. Rappan ripropose il Catenaccio, battezzato in lingua francese verrou, anche al campionato del mondo 1938 quando guidava la nazionale svizzera; con questa variazione rispetto al classico Sistema, la modesta selezione elvetica ben figurò nel torneo, eliminando la Germania al primo turno e arrivando fino ai quarti di finale, nei quali cedette all’Ungheria, futura finalista.

Styles

  • UltraThin
  • Thin
  • Light
  • Blond
  • Normal
  • Medium
  • SemiBold
  • Bold
  • Black
  • UltraThin Italic
  • Thin Italic
  • Light Italic
  • Blond Italic
  • Normal Italic
  • Medium Italic
  • SemiBold Italic
  • Bold Italic
  • Black Italic

Character set

characterset-Bonnie

Language support

Afrikaans, Albanian, Asu, Basque, Bemba, Bena, Bosnian, Catalan, Chiga, Colognian, Cornish, Croatian, Czech, Danish, Dutch, Embu, English, Esperanto, Estonian, Faroese, Filipino, Finnish, French, Friulian, Galician, Ganda, German, Gusii, Hungarian, Icelandic, Inari Sami, Indonesian, Irish, Italian, Jola-Fonyi, Kabuverdianu, Kalenjin, Kamba, Kikuyu, Kinyarwanda, Latvian, Lithuanian, Low German, Lower Sorbian, Luo, Luxembourgish, Luyia, Machame, Makhuwa-Meetto, Makonde, Malagasy, Malay, Maltese, Manx, Meru, Morisyen, North Ndebele, Northern Sami, Norwegian Bokmål, Norwegian Nynorsk, Nyankole, Oromo, Polish, Portuguese, Romanian, Romansh, Rombo, Rundi, Rwa, Samburu, Sango, Sangu, Scottish Gaelic, Sena, Shambala, Shona, Slovak, Slovenian, Soga, Somali, Spanish, Swahili, Swedish, Swiss German, Taita, Teso, Turkish, Turkmen, Upper Sorbian, Vunjo, Walser, Welsh, Zulu

OpenType features

ot-features-bonnie

Buying options

First, please select your license types.

Combining licenses will give you a multi-license discount of 8%.

One-time fee, perpetual license based on the number of users. Install OTF or TTF font files on your computer for use in applications like Adobe InDesign, Microsoft Word or Apple Pages. Create print materials, logos, product packaging and more.
One-time fee, perpetual license for webfonts based on the average number of unique visitors per month. You can self-host the webfonts on your server. A license is valid for use on one domain.
One-time fee, perpetual license based on the number of apps or eBooks the fonts will be embedded in.

Next, select packages or individual styles

Buying packages or upright/italic pairs, will cost you less per font compared to buying fonts per style.

  • Contains all individual styles of the Bonnie family. 9 weights, 18 fonts in total.
    470 900 
  • Contains all individual styles of the Bonnie, Bonnie SemiCondensed and Bonnie Condensed families. 9 weights, 54 fonts in total.
    975 2700 
  • 75 100 
  • 75 100 
  • 75 100 
  • 75 100 
  • 75 100 
  • 75 100 
  • 75 100 
  • 75 100 
  • 75 100 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
  • 50 
Your order has been added to your cart.

orCheckout

Woops! Something went wrong. Please try again.